Politica / Politica

Commenta Stampa

Spread, crisi, populismo

Governo, duello tv a distanza Monti-Berlusconi

Le stoccate del premier e del Cavaliere

Governo, duello tv a distanza Monti-Berlusconi
11/12/2012, 17:58

Premier ed ex premier in diretta tv. Il piccolo schermo ha fatto da scenario oggi al duello che da giorni sta andando avanti a distanza tra Mario Monti e Silvio Berlusconi. L’uno ospite su Rai 1, l’altro sulla “sua” Canale 5.

Solo pochi minuti separano l'intervento del Cavaliere da quello del premier. Numerosi i temi toccati da entrambi. A partire dallo spread. ''Un imbroglio'' per Berlusconi che lo giudica “il cavallo di Troia usato per cercare di abbattere un governo votato dagli italiani". Il suo. “Ma dello spread che sale a noi cosa importa?", incalza Berlusconi.

A Monti, invece, dello spread interessa eccome. Il Professore, infatti, pochi minuti dopo mette in guardia: “Lo spread mi preoccupa anche se e' un fenomeno da prendere con freddezza. Dobbiamo stare molto attenti anche a spazzare via miti - dice Monti - cioe' che quello che un Paese non ha rilievo per lo spread perche' contano solo gli interventi della Bce. Spero che anche in questo non si trattino i cittadini in modo piu' sprovveduto di quello che sono". 

Che l'esperienza di Monti sia strettamente legata alla 'scoperta' del termine spread da parte degli italiani, lo sottolinea lo stesso premier, rivelando un aneddoto familiare: il nipotino soprannominato 'spread' dai compagni all'asilo. "Le colpe dei nonni ricadono su nipoti", ironizza il presidente del Consiglio.

Per il Cavaliere, invece, ricadono su Monti errori e responsabilita' per la situazione del paese nell'ultimo anno. “Con lui - rimarca Berlusconi - tutto e' peggiorato". All'esecutivo tecnico Berlusconi rimprovera di aver "seguito la politica germano-centrica che l'Europa ha cercato di imporre a noi e altri Stati". Con il risultato di "una crisi molto peggiore della situazione in cui ci trovavamo quando eravamo noi al governo. Tutti gli indicatori economici sono peggiori di quando eravamo noi alla guida del Paese”.

Ma Monti non ci sta e 'bacchetta' i governi che lo hanno preceduto. “L'esecutivo tecnico – ricorda - ha impedito che l'Italia cadesse nel precipizio. Il che avrebbe reso il nostro territorio una piacevole passeggiata di conquista da parte di altri. Oggi l'Italia non e' piu' il malato d'Europa". E a chi rimprovera la mancata crescita, replica: "Sarei felice di apprendere da qualcuno come sarebbe stato possibile salvare l'Italia da un destino greco e intanto farla crescere a ritmo veloce. Questa era una ricetta da trovare qualche anno prima, quando non c'era da curarsi da una grande difficolta' finanziaria". Per Monti la fibrillazione dei mercati e' un "fenomeno che va preso con calma e freddezza. “Spero - auspica - che i mercati constateranno che l'Italia non e' priva di governo, che esiste un governo con poteri fino a quando un nuovo governo arrivera'".

Per il Cavaliere, invece, "non c'e' nessuna ragione perche' i mercati si debbano agitare e l'anticipo delle elezioni, dovuto alle dimissioni di Monti, e' risibile trattandosi di poco piu' di un mese". Nessun dubbio, poi, sulla propria credibilita' a livello internazionale. "Fin quando sono stato a rappresentare l'Italia nei consigli dei capi di Stato e governo - assicura - ero tra i piu' autorevoli, l'unico a venire dal mondo del lavoro. Certo - aggiunge - mi opponevo con continuita' alle richieste tedesche mentre il governo Monti e' stato germano-centrico”, insiste il Cavaliere.

Non manca un passaggio sul rischio del populismo. Se Monti, pur senza citare mai la Lega, attacca le ''manifestazioni di spirito secessionistico, sia pure a corrente alternata'' come esempio di populismo e torna a stigmatizzare chi promette soluzioni ''magiche'' in campagna elettorale, Berlusconi con la Lega cerca un nuovo accordo: "Mi vedo questa sera a cena con Maroni per discutere dell'alleanza nazionale, degli impegni sul programma e della possibilita' anche di un'intesa alle regionali".

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©