Politica / Politica

Commenta Stampa

La preoccupazione è per il paese e ripresa economica.

Governo, Letta fiducioso sulla stabilità dell'esecutivo


Governo, Letta fiducioso sulla stabilità dell'esecutivo
24/08/2013, 20:49

ROMA - La riunione fiume del Pdl ad Arcore non ha cambiato il clima a palazzo Chigi. Dal vertice è emersa la convinzione netta che la decadenza del cavaliere sia inaccettabile. Il premier Enrico letta resta fiducioso che si troverà una soluzione che consenta al governo di mantenere le redini del paese. E' stata ribadita, in ogni caso, la netta distinzione tra l'attività dell'esecutivo e le vicende giudiziarie di Silvio Berlusconi, per il quale la Cassazione ha confermato la condanna nell'ambito del processo Mediaset sui diritti televisivi. Il punto cruciale sarà il passaggio nella giunta per le Elezioni del Senato, che dal 9 settembre si pronuncierà sulla decadenza del leader del Pdl. Per ora si va avanti, dunque, con l'obiettivo che l'interesse del paese sia la priorità per tutti. Le preoccupazioni di Letta, così come riferito, non sono per le sue sorti personali e "non c'è nessun piano B". Il Quirinale è stato chiaro: c'è in gioco il destino dell'Italia. Il rischio concreto da evitare è che una nuova crisi di governo produca tensioni sui mercati e si interrompa bruscamente il percorso virtuoso dell'Italia verso la ripresa economica, con i primi segnali positivi a rafforzarne il prosieguo.

Commenta Stampa
di Armando Brianese
Riproduzione riservata ©