Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Disarmante ed incredibile nella relazione tecnica

Governo: "Risparmio sui tagli ai comuni? Non sappiamo se c'è"


Governo: 'Risparmio sui tagli ai comuni? Non sappiamo se c'è'
24/08/2011, 15:08

ROMA - Che questo governo abbia sempre dimostrato improvvisazione e pressappochismo non è una novità. Ma finora non l'aveva messo nero su bianco in un documento ufficiale. L'ha fatto questa volta, nella relazione tecnica al decreto legge che introduce la nuova manovra finanziaria di 45 (e forse oltre) miliardi. Quando si affronta la quantificazione del risparmio che sarebbe ottenibile con la soppressione dei comuni sotto i 1000 abitanti, la laconica risposta è: "Tale previsione (l'abolizione dei comuni, ndr) determina un effetto finanziario positivo sui saldi di finanza pubblica che, allo stato attuale, non si è in grado di quantificare". Insomma, il governo dice: "Risparmiamo sugli enti locali? E io che ne so?".
Una valutazione invece l'ha fatta l'Anpci (Associazione nazionale piccoli comuni italiani) che ha stimato i comuni da abolire in poco meno di 2000; i posti da sindaco, assessore o consigliere comunale che verrebbero aboliti in poco più di 17 mila (altro che le 54 mila poltrone promesse da Berlusconi in conferenza stampa, alla presentazione di questa manovra) e un risparmio teorico - sopprimento i rimborsi spese e i gettoni di presenza relativi - che si aggira intorno ai 10 milioni di euro. Quello effettivo è intorno alla metà, dato che quasi la metà dei politici che guidano i piccoli comuni rinunciano a gettoni di presenza e simili. E' chiaro che 5 milioni su una finanziaria di 45 miliardi sono una cosa assolutamente risibile.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©