Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Attenti alle alleanze per la governabilità

Grillo chiama Fo che gli consiglia Bersani


Grillo chiama Fo che gli consiglia Bersani
27/02/2013, 15:55

Grillo chiama Fo per il Quirinale ed il “presidente” grillino declina l’invito proponendogli un patto col diavolo. E’ accaduto questo nelle ultime ore poco prima che Beppe grillo parlasse con i giornalisti dopo un silenzio assordante che l’ha visto vincere alle politiche senza apparentamenti e senza uomini di apparato a reggere le liste presentate per la corsa al Governo da parte del Movimento Cinque Stelle. Una proposta davvero disdicevole se pensiamo al leit motiv della campagna elettorale grillina ed alla volontà degli elettori del M5S di votare per un partito-movimento che non scendesse a compromessi con la vecchia politica. Il consiglio di Fo è stato davvero di pessimo gusto per chi ha segnato con lacrocetta ilsimbolo del partito del comico genovese, ma era palesemente interessato visto che la sua consorte Franca Rame si è beccata un bel vitalizio, comprensivo di stipendio da senatrice, con la sua seduta in senato tra le fila del partito di Bersani. E mentre i grillini siculi fanno già prove di coesistenza nelle giunte con membri degli altri schieramenti politici inquinati da corruzione, cattive abitudini e mafia, adesso c’è da domandarsi cosa penseranno tutti gli indecisi di destra che hanno espresso il voto per Grillo e che con un voto per la coalizione di Berlusconi avrebbero rischiato di vincere le elezioni con una maggioranza praticabile sia alla Camera che al Senato. Caro Grillo, prima di prendere una decisione, pensa bene a quello che fai, altrimenti, fra cinque anni nei cassetti del Parlamento usciranno anche le carte del tuo movimento rivoluzionario. 

Commenta Stampa
di Giuseppe Forma Riproduzione riservata ©