Politica / Politica

Commenta Stampa

Aumentano le voci di scissioni nel partito

Grillo minaccia i grillini: "Caccio chi vota per la Gambaro"


Grillo minaccia i grillini: 'Caccio chi vota per la Gambaro'
15/06/2013, 11:42

ROMA - Il fucile è carico e puntato e Beppe Grillo ha il dito sul grilletto. Obiettivo, tutti coloro che sono stati eletti in Parlamento ed "osano" non obbidirgli. E il messaggio è altrettanto chiaro: chiunque voterà a favore della Gambaro e contro la sua espulsione, verrà a sua volta espulso dal Movimento 5 Stelle. E lo spiega anche Vito Crimi: "Chi lunedì vota contro la proposta di affidare alla Rete l'espulsione, viola un principio fondamentale del movimento. Più che mettersi fuori dal movimento, è più giusto dire che ne dovrà trarre le conseguenze". 
Tanto che ci sono molti di coloro che hanno difeso la Gambaro e il suo diritto di esprimere il proprio pensiero che hanno già la valigia in mano e discutono di creare un nuovo gruppo e un nuovo simbolo. Ma ci sono anche quelli che stanno progettando di passare al contrattacco, con una sorta di sfiducia verso il capogruppo al Senato Nicola Morra. Una scelta non replicabile alla Camera, dove la maggioranza invece accetta passivamente i diktat di Grillo. 
Resta l'assurdo di un comportamento dittatoriale dell'ex comico contro chi lo critica, con regole degne di una caserma dell'esercito. Il tutto in spregio all'articolo 67 della Costituzione, che prevede per i parlamentari la libertà di mandato. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©