Politica / Politica

Commenta Stampa

A sorpresa bloccato l'accesso verso tutti i giornalisti

Grillo vieta il comizio finale a giornali e Tv italiane


Grillo vieta il comizio finale a giornali e Tv italiane
22/02/2013, 17:08

ROMA - Brutta sorpresa per i giornalisti italiani che sono andati a Roma, regolarmente accreditati, per seguire la tappa finale dello "Tsunami tour", definita "Sarà un piacere day". Presentatisi sul palco per accedere al backstage, come è prassi, sono stati bloccati dal servizio di sicurezza, che ha consentito l'accesso solo alla troupe di Sky Tg24 e ai giornalisti stranieri. Alle proteste dei giornalisti, è stato risposto che gli accredioti sono stati predisposti solo per la stampa straniera, senza ulteriori specificazioni. E' chiaro che i giornalisti non possono scrivere sul computer stando in piedi sotto la pioggia: per fare il loro lavoro; hanno bisogno di una sedia in una zona coperta.
Non è la prima volta che Grillo impedisce ai giornalisti di fare il loro lavoro. Già alcuni giorni fa c acciò vioa dal palco um cameraman, reo solo di lavorare per Rai3; adesso estende il suo divieto a tutti gli altri mass media italiani.
Purtroppo il comico genovese ha già ampiamente dimostrato il disprezzo che ha verso i giornalisti e in generale verso chiunque gli faccia domande, a cui è assolutamente incapace di rispondere a tono. Quelle rare volte che si è prestato a rispondere alla singola domanda, ha sempre risposto in maniera astratta o insultando a destra e a sinistra. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©