Politica / Parlamento

Commenta Stampa

I diritti alla prova della crisi. Riscattare il futuro e la felicità


I diritti alla prova della crisi. Riscattare il futuro e la felicità
22/02/2011, 16:02

Napoli – Riportare al centro del dibattito pubblico le drammatiche emergenze economiche e sociali che stanno sconvolgendo l’Italia: questo l’obiettivo del convegno nazionale I diritti alla prova della crisi. Riscattare il futuro e la felicità, che il comitato Il welfare non è un lusso organizza al Centro Congressi Tiempo di Napoli (Centro Direzionale Isola E5) da giovedì 24 a sabato 26 febbraio 2011. L’iniziativa è nel solco della mobilitazione per la difesa dello stato sociale promossa dal comitato con le principali associazioni e cooperative sociali della Campania, e propone un incontro di respiro nazionale con i maggiori esperti di politiche e interventi sociali in Italia.

Molte sono le questioni sociali irrisolte: dai rifiuti alla salute, dall’occupazione allo stato di abbandono delle periferie, dalle condizioni della scuola alla sicurezza dei cittadini e dei territori, dalla precarietà esistenziale all’assenza dei diritti individuali. Ma di fronte alla crisi e all’emergenza sociale, la politica sceglie di ridurre i costi e i servizi, con una pericolosa involuzione verso una cultura assistenzialistica e una progressiva privatizzazione dei beni comuni.

«Occorre rivoltare il paradigma – spiega il portavoce del comitato Sergio D’Angelo – che nel’900 vedeva il welfare in termini solo risarcitori e lo sosteneva sulla ricchezza che un Paese può produrre. Non si può discutere di welfare se non si parla di economia, di modelli di società e di organizzazione delle relazioni perché il welfare riguarda il modo stesso di stare insieme delle persone».

Giovedì 24 febbraio all’apertura del convegno (ore 15.00) dopo l’introduzione del portavoce del comitato Il welfare non è un lusso Sergio D’Angelo interverranno personalità come Marco Revelli, scrittore e docente di Scienza della politica all’Università del Piemonte e Aldo Morrone, direttore dell’ospedale San Gallicano di Roma.

Venerdì 25 febbraio (a partire dalle ore 10.00 e fino alle 16.30) ai tre workshop tematici paralleli parteciperanno, tra gli altri, Ugo Biggeri presidente di Banca Popolare Etica e Alex Zanotelli missionario comboniano.

I lavori si chiuderanno sabato 26 febbraio (ore 10.00 – 13.00) con la sessione plenaria e una tavola rotonda con interventi, tra gli altri, di Franco Rotelli presidente della rete Copersam; Carlo Borgomeo presidente della Fondazione Sud; Antonio Perna docente di Sociologia Economica dell’Università degli studi di Messina. Coordinerà i lavori Angelo Mastrandrea vice-direttore de Il Manifesto.

Il convegno è in collaborazione con AIRSAM, Campo Libero, Cismai, CNCA, Comunità Le Piagge, Copersamm, Forum salute mentale, Psichiatria Democratica, Forum Droghe, Legacoopsociali, Democrazia a Km Zero.

Sarà preceduto giovedì 24 febbraio alle ore 10.00 presso la Scuola di Formazione dei Lavori Sociali di Gesco (Complesso Inail Torre 1) da un seminario a cura di Legacoopsociali su Cooperazione sociale e salute mentale: subalternità assistenzialistica o politiche di inclusione sociale?

Venerdì 25 febbraio dopo i workshop (ore 17.00 - 19.00) al Centro congressi Tiempo ci sarà un incontro su Chi si pre – occupa ancora dei bambini in Campania? promosso da CISMAI, Save the children, Terre des hommes, Unicef.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©