Politica / Politica

Commenta Stampa

Tre di loro hanno fatto figuracce pazzesche

I grillini stanno mostrando la loro completa "incultura"


I grillini stanno mostrando la loro completa 'incultura'
01/03/2013, 19:26

ROMA - Gli esponenti del Movimento 5 Stelle sono oggettivamente dei perfetti sconosciuti per la stampa e la radio (di Tv non se ne parla, è solo Grillo che ci può comparire), e quindi molti li stanno cercando per farli conoscere al pubblico. Il problema è che i risultati sono pessimi, dato che i grillini si stanno dimostrando di una ignoranza abissale. 
Per esempio c'è stata Enza Blundo, capolista in Abruzzo e quindi eletta al Senato, che è stata intervistata durante la trasmissione "Un giorno da Pecora", su Radio2. Ad un certo punto le è stato chiesto quanti fossero i senatori, e la Blundo se ne è uscita con un "cinque o seicento". Ripetuta la domanda (evidentemente si è accorta che qualcosa non andava, ndr), ha risposto "Trecento". In realtà sono 315, più i senatori a vita. 
Per non essere da meno, nella stessa trasmissione oggi un altro senatore, Bartolomeo Pepe, non è riuscito a rispondere alla semplice domanda di dove svolgessero le proprie riunioni i senatori (cioè a Palazzo Madama, ndr); nè come si svolgesse l'elezione del Presidente della Repubblica (Camere riunite in seduta comune con un certo numero di rappresentanti delle 20 regioni italiane, ndr).
Chicca finale, una intervista rilasciata da Carlo Sibilia, eletto alla Camera dei Deputati ad Avellino, sempre per il Movimento 5 Stelle. Parlando dell'incertezza sulla formazione del nuovo governo ha detto: "Puoi ben capire che per governare non c'è bisogno della fiducia in nessuna delle due camere. Articolo 94 della Costituzione. E' semplice e così faremo". Peccato che l'articolo 94 inizi con le parole: "Il Governo deve avere la fiducia delle due Camere".
Sia ben chiaro, non è una novità vedere deputati e senatori che non sapevano cose elementari. Ci sono stati un paio di filmati trasmessi in trasmissioni come "Striscia la Notizia" e "Le Iene", che lo dimostra. Ma non erano scesi così in basso.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©