Politica / Napoli

Commenta Stampa

I Municipalità, Chiosi: "nuova minaccia di blocco di Piazza Amedeo"


I Municipalità, Chiosi: 'nuova minaccia di blocco di Piazza Amedeo'
09/09/2011, 10:09

<<Il blocco di Piazza Amedeo da parte di centinaia di giovani messo in atto Mercoledì scorso - dichiara il Presidente Chiosi - non può e non deve ripetersi.
Apprendiamo dalla stampa - spiegano il Presidente ed i Consiglieri Manna e Campobasso - della volontà di mettere nuovamente in pratica il blocco della piazza. Questo è intollerabile>>.

<<Eravamo presenti a Piazza Amedeo - raccontano Manna e Campobasso - e non si è trattato di un semplice ritrovo di giovani. Abbiamo assistito ad atti di vandalismo, calci alle auto bloccate dal traffico, interdizione all'accesso a Via Martucci, teppismo sull'arredo urbano. Abbiamo subito avvisato le forze dell'ordine di quanto stava accadendo>>.

<<Sono ridicoli a nostro avviso - continuano Chiosi, Manna e Campobasso - i sociologismi da strapazzo che in queste ore si sprecano su questa vicenda. Noi riteniamo che non si possa impunemente bloccare una piazza, delle strade, dei veicoli in transito. Esiste un Codice della Strada ed un Codice Penale che vanno rispettati. Tra l'altro si sono verificati episodi gravissimi che non devono essere assolutamente giustificati. Ogni giorno centinaia di automobilisti indisciplinati vengono giustamente multati. Perché giovani scalmanati che fermano le auto in mezzo alla strada non dovrebbero essere sanzionati?! E se Mercoledì vi fosse stato un mezzo in servizio di emergenza?
Per quanto ci riguarda - concludono il Presidente ed i Consiglieri - i residenti della zona vanno tutelati, così come coloro che transitano. Se accadrà nuovamente quella follia di Mercoledì scorso ognuno si assumerà le proprie responsabilità. Siamo intenzionati ad andare fino in fondo coinvolgendo la Procura della Repubblica. In strada non si può fare ciò che si vuole. E se non lo si insegna proprio ai giovani, allora siamo rovinati per il futuro>>.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©