Politica / Napoli

Commenta Stampa

I suoli di Bagnoli : lottizzati e venduti


.

I suoli di Bagnoli : lottizzati e venduti
16/04/2012, 17:04

L’assessore all’Urbanistica Luigi de Falco firma la delibera con cui si disciplinano le modalità di intervento dell’area tematica due del piano urbanistico attuativo di Bagnoli–Coroglio. Il planovolumetrico vede interessati non più architetti celebri ma semplicemente membri interni che risiedono a Palazzo San Giacomo, ed architetti della Bagnolifutura spa, quasi ad evitare uno spreco di risorse dopo il flop della mancata vendita dei suoli. È così che si configurerebbe una nuova Bagnoli, che comprende circa 400 mila metri cubi partendo dalla Porta del parco e finendo direttamente in mare. Con il provvedimento fortemente voluto da Omero Ambrogi, presidente della società di trasformazione urbana, la giunta ha stabilito la suddivisione dell’intera area soggetta a bonifica, in quattro lotti che saranno poi venduti con un nuovo bando di gara. Ognuno dei lotti sarà corredato di un progetto che stabilirà le modalità per il rilascio dei permessi per costruire, i quali saranno a loro volta subordinati all’avvenuta bonifica. Le problematiche del nuovo piano sono molteplici, a partire dal comprendere se ciò basterà a riedificare l’area e ad attirare nuovi investitori garantendo l’attuazione unitaria del progetto? E’ lecito pensarlo dopo i fallimenti che si sono verificati nel corso di questi ultimi mesi, e proprio per questo si cercherà di rilanciare l’area per rendere l’investimento maggiormente appetibile come aveva già affermato a suo tempo il sindaco De Magistris. Inoltre si parla del ritrovamento di enormi quantità di amianto che renderebbero ancora più difficoltosa la bonifica e più elevata la quantità di fondi necessari per poter procedere.

Commenta Stampa
di Viviana Vignola
Riproduzione riservata ©