Politica / Regione

Commenta Stampa

Replica del sottosegretario, la decisione spetta a Regione

Idv chiede un registro dei tumori in Campania per aree con discariche


.

Idv  chiede un registro dei tumori in Campania per aree  con discariche
10/12/2010, 15:12

Richiesta dell’IDV, proposta dall’on. Antonio Palagiano, che chiede al Ministro della Salute di istituire "un registro dei tumori completo e efficiente, che sia in grado di monitorare anche la regione Campania e in particolare le aree sedi di discariche, smaltimento di rifiuti e termovalorizzazione", visto che quello tutt’ora è operativo in Campania, è limitato a soli 18 comuni. Obiettivo dell’iniziativa, secondo quanto detto dal deputato del IdV, è quello di tutelare la popolazione che risiede in una zona caratterizzata da "una crescente incidenza di malattie tumorali". In risposta all’interrogazione, il sottosegretario per la Salute Eugenia Maria Roccella rende noto che, il Piano Nazionale biennale della Prevenzione Tumori, prevede l'inserimento dei Registri dei Tumori nel piano Regionale di Prevenzione. Pertanto il sottosegretario alla Salute, spiega che è "già predisposto e istituzionalmente formalizzato il quadro di pianificazione, nonché il quadro di supporto e monitoraggio del Ministero, che potrà permettere l'istituzione di un Registro tumori regionale della Campania". Tuttavia la decisione finale resta esclusivamente alla Regione. Proprio dalla Regione Campania, ieri è stata presentata una proposta di legge avente ad oggetto: “Istituzione dei Registri Territoriali e di un Centro di Coordinamento Regionale dei Registri Tumori della Regione Campania”, a firma dei consiglieri Giordano, Barbirotti, Marrazzo e Sala, del gruppo IDV. La proposta di legge regionale è proposta a potenziare il registro tumori già esistente in Campania, infatti, stando a quanto si legge nella proposta, le aree contaminate da rifiuti tossici in Campania cresce di giorno in giorno: secondo le ultime ricerche, nella regione ci sono ad oggi 5000 aree con rifiuti pericolosi, mentre nel 2004 erano solo 2500, e stando al controllo del vecchio registro dei tumori, non c’è un vero e proprio controllo completo, quindi è impossibile ad ora stabilire una relazione, efficace tra l’incremento dell’incidenza tumorale nei territori in presenza di discariche o siti di smaltimento di rifiuti.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©