Politica / Napoli

Commenta Stampa

Le valutazioni e le proposte del partito

Idv, è tempo di bilanci


Idv, è tempo di bilanci
23/07/2012, 14:53

NAPOLI - Il bilancio di in anno ed una nuova fase politica al comune di Napoli. Sono questi i due punti su cui i vertici di Italia dei valori hanno discusso oggi, in una conferenza stampa organizzata per fate il punto della situazione, per cercare di capire cosa è andato bene in quest'anno  e cosa va cambiato. “Napoli deve saper partecipare alla costruzione di una proposta politica vincente, che dia al Paese un Governo politico amico della città e basato su grandi valori ideali”, specifica Nello Formisano segretario regionale dell’Idv.   
Ci pensa il segretario cittadino Vincenzo Ruggiero, poi, a indicare nello specifico gli obiettivi per la città. “Metropolitana, Bagnoli sono solo alcuni dei punti da affrontare e subito. Nel primo anno di governo della città di Napoli – prosegue Ruggiero -  l’Italia dei Valori si è caratterizzata come il vero punto di forza e di stabilità per l’Amministrazione comunale. Proposte, suggerimenti, un grande lavoro nelle commissioni consiliari fino all’approvazione del bilancio previsionale 2012, sempre nel rispetto delle prerogative del Sindaco e riconoscendo che i cittadini hanno scelto questa funzione come sintesi”. Per Ruggiero, ora, si apre una fase nuova per raggiungere obiettivi più ambiziosi, collocando Napoli stabilmente nel circuito virtuoso internazionale. E proprio per questo, il prossimo tre settembre, Idv proverà a riunire tutti i Consiglieri comunali del centrosinistra napoletano per sostenere leragioni di Napoli presso il Governo e definire una vera e propria agenda politica condivisa.
E dicevano una nuova fase politica al comune di Napoli. “La riforma della macchina comunale è per noi una priorità – dichiara il capogruppo di Idv in consiglio comunale - . vogliamo aprire un confronto su questo tema con l’Amministrazione comunale prima che la proposta del direttore generale arrivi in Giunta. In tal senso, accolgo positivamente la proposta del sindaco di condivisione, successivamente all’ascolto, delle questioni, prima che diventano atti amministrativi”.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©