Politica / Parlamento

Commenta Stampa

La tassa usata per aiutare il fondo per lo spettacolo

Il biglietto del cinema aumenta di un euro fino al 2013

Emendamento del governo reintroduce la misura

Il biglietto del cinema aumenta di un euro fino al 2013
11/02/2011, 11:02

ROMA - Ancora un aumento di tassazione da parte dello Stato: un euro in più sul biglietto del cinema. Si tratta di una norma che era stata presentata nella prima stesura del decreto Milleproroghe, ma poi venne tolta per le proteste provenienti dal mondo dello spettacolo. Ora il governo presenta un emendamento allo stesso decreto, che viene discusso in commissione al Senato, in cui reintroduce questa norma, tra il gennaio 2011 e il dicembre 2013, in tutte le sale cinematografiche escluse le sale parrocchiali. In questa maniera lo Stato incasserebbe 45 milioni quest'anno e 90 per ciascuno dei prossimi due, che poi il Ministrero dei Beni Culturali provvederà ad incassare tramite un regolamento intraministeriale. La destinazione è una integrazione del Fondo Unico dello Spettacolo, che è stato notevolmente depauperato dalla legge di stabilità approvata a dicembre 2010.
La reazione del mondo dello spettacolo è stata completamente negativa. Come dimostra Maurizio Roi, vicepresidente dell'Agis: "È evidente che l'unico risultato certo sarebbe la crisi definitiva di moltissime sale e soprattutto di quelle più impegnate a programmare cinema italiano e di qualità. Il prelievo, infatti, costringerebbe a insostenibili economie aziendali o a un aumento del prezzo dei biglietti che inciderebbe negativamente sulle frequenze nelle sale".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©