Politica / Politica

Commenta Stampa

“Mario Monti non è in ritardo. Lasciatelo lavorare”

Il Cavaliere non si ricandiderà: “Il Pdl farà le primarie”

“Con la Lega nessun problema. Venerdì vedrò Bossi”

Il Cavaliere non si ricandiderà: “Il Pdl farà le primarie”
28/11/2011, 18:11

MILANO - Approfittando della sua uscita per andare in Tribunale a Milano, l’ex presidente del Consiglio è tornato a far sentire la sua voce e non ha perso l’occasione per ribadire il suo pensiero su diversi punti. Al termine dell’udienza del processo Mills, al quale ha partecipato questa mattina e per il quale è imputato di corruzione in atti giudiziari, Silvio Berlusconi si è intrattenuto con i cronisti, ed è rivolgendosi a loro che ha sciolto qualsiasi dubbio sull’ipotesi di una sua possibile ricandidatura: “Non mi ricandiderò” ha detto, aggiungendo che “il Pdl farà le primarie”. Sull’ipotesi di elezioni anticipate, invece, l’ex premier ha mantenuto una posizione prudente: “Vediamo come si mettono le cose e vediamo le proposte del governo”.
Uno dei temi caldi affrontato da Berlusconi è stato poi il rapporto con la Lega. Dopo Roberto Calderoli, è toccato oggi a Roberto Maroni ricordare all’ex premier che il rapporto Lega-Pdl è ormai giunto al capolinea. Ma sembra fare orecchie da mercante il Cavaliere, che ancora una volta torna a ribadire che tra il suo partito e quello del Senatùr non vi sia nulla che non vada: “Non c’è problema” ha assicurato, dicendo che non è il Carroccio ad aver rotto con il Pdl, ma solo alcune teste calde e dissidenti al suo interno. Al riguardo Berlusconi ha fatto sapere che venerdì vedrà Bossi.
Infine è sul nuovo premier Mario Monti che Silvio Berlusconi ha detto la sua. “Monti non è in ritardo, è appena arrivato e si deve occupare di cose di enorme complessità ma lasciatelo lavorare”, ha detto l’ex premier, prendendosi la paternità di tutto ciò che il Professore ha portato in Europa: “Quelle che Mario Monti ha portato in Europa sono misure già varate dal mio governo e per il 55% già approvate dal Parlamento con la legge di stabilità»”, ha infatti aggiunto.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©