Politica / Napoli

Commenta Stampa

Il consiglio comunale di Napoli “scende in campo” per Scampia


Il consiglio comunale di Napoli “scende in campo” per Scampia
03/11/2012, 13:13

Il consiglio comunale di Napoli “scende in campo” per Scampia. Una partita di solidarietà per tutto il quartiere. Lunedì 5 Novembre ore 18.00  presso centro sportivo Arci Scampia via Fratelli Cervi lotto U. Triangolare con una selezione composta da ex giocatori del Napoli e con una composta da dirigenti e medici dell’ospedale Cardarelli. A Scampia  prima uscita della neo – squadra di calcio del Consiglio Comunale di Napoli guidata e allenata dal consigliere Carmine Attanasio che mette in campo il meglio che può offrire l’assemblea di via Verdi. Una squadra bipartisan, ben equilibrata composta da elementi di destra, di centro e di sinistra. La squadra schiererà gli assessori Luigi De Falco e Alberto Lucarelli oltre ai consiglieri Gennaro Addio , Ciro Borriello , Gennaro Esposito ,Fulvio Frezza , Salvatore Guanci , Marco Mansueto , Gabriele Mundo , Marco Nonno , Vincenzo Varriale  ed il presidente della circoscrizione Scampia Angelo Pisani. Si giocherà contro una rappresentanza di ex giocatori del Napoli composta da Roberto AmodioSandro Abbondanza, Luigi Caffarelli, Faustinho Jarbas Canè, Antonio Capone, Pasquale Casale, Massimo Filardi, Gianni Improta, Ugo Maradona, Ciro Muro e Gaetano Musella. La terza squadra sarà composta da dirigenti e medici dell’Azienda ospedaliera Cardarelli guidata dal direttore generale Rocco Granata. Tra i tantissimi partecipanti padre Ignazio Suarez dell’Opera degli angeli di Roma e il sindaco di Calvi Risorta Armando Rocco. Organizzatori dell’iniziativa Antonio Piccolo presidente di Arci Scampia ed il vulcanico ed instancabile Mario Pesce. L’iniziativa, alla quale ha aderito il Consiglio Comunale di Napoli, nasce dall’esigenza di rendere sempre più pregnante la vicinanza dell’ Istituzione Comune ai cittadini di Scampia, vicinanza che non sarà ridotta ad un goliardico incontro di calcio ma che sarà espressa, nel più breve tempo possibile, anche con sostanziali provvedimenti del Consiglio e della Giunta.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©