Politica / Politica

Commenta Stampa

L'incontro a Palazzo Chigi è durato un'ora

Il Consiglio dei ministri affida le deleghe

Mario Ciaccia viceministro alle Infrastrutture

Il Consiglio dei ministri affida le deleghe
13/12/2011, 20:12

ROMA – Si è riunito questo pomeriggio alle 17.40 a Palazzo Chigi, il Consiglio dei Ministri.  Fitta l’agenda: dapprima si è partiti con approvare le deleghe di funzioni conferite dal Presidente Monti ai ministri senza portafoglio e le deleghe al ministri Profumo (innovazione tecnologica) e Fornero (pari opportunità). In considerazione della particolare delega conferita al sottosegretario, Mario Ciaccia (infrastrutture e trasporti) inoltre il consiglio ha attribuito al medesimo l'incarico di viceministro. Il consiglio si è poi pronunciato  sullo stato d'emergenza nei territori delle province di Catanzaro, Reggio Calabria e Crotone per consentire i necessari interventi a seguito dei danni provocati dagli eventi atmosferici eccezionali del 22 e 23 novembre scorsi. Altri stati d'emergenza sono stati prorogati per consentire il completamento delle operazioni di ripristino in Umbria per il terremoto del 2009, per problemi legati al traffico nei Comuni di Treviso e Vicenza e nel tratto autostradale Quarto d'Altino-Trieste e raccordo Villesse-Gorizia, nonché per l'adeguamento dei sistemi di depurazione nell'asta fluviale del bacino del fiume Aterno. Su proposta del Ministro dell'interno, ed in considerazione dei gravi condizionamenti da parte della criminalità organizzata riscontrati nelle istituzioni locali, è stato sciolto il Consiglio comunale di Nardodipace (Vibo Valentia); nella medesima provincia e per gli stessi fini è stato prorogato lo scioglimento del Consiglio comunale di Nicotera. E’ stata inoltre condivisa la posizione favorevole, emersa in conferenza di servizi, in merito al progetto di realizzazione di un impianto fotovoltaico nel comune di Tarquinia (Viterbo). L'impianto, verrà realizzato tenendo conto delle specifiche istanze avanzate dagli organismi di tutela paesaggistica. Infine il Consiglio ha deliberato alcune nomine e movimenti di Prefetti, nonché nomine di dirigenti generali di pubblica sicurezza. Su proposta del Ministro per i beni e le attività culturali, Ornaghi, è stato altresì approvato il conferimento dell'incarico di Segretario generale del Ministero all'arch. Antonia Pasqua Recchia. Infine il Consiglio ha esaminato talune leggi regionali, a norma dell'articolo 127 della Costituzione. I lavori sono stati chiusi alle 18.40.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©