Politica / Politica

Commenta Stampa

Il Console Moore in visita al metrò di Napoli


Il Console Moore in visita al metrò di Napoli
07/11/2011, 16:11

Napoli 7 novembre 2011. Il metrò di Napoli ha ospitato questa mattina un viaggiatore d'eccezione. E' il Console Generale Americano a Napoli Donald Moore, accompagnato da una delegazione a stelle e strisce in visita istituzionale alle stazioni dell'arte e al cuore operativo della Linea 1.

A fare gli onori di casa l'Assessore alla Mobilità del Comune di Napoli, Anna Donati e l'Amministratore Unico Metronapoli Alberto Ramaglia. Il tour organizzato per il diplomatico, ha fatto tappa prima alla nuova stazione Università, firmata dall'architetto anglo-egiziano Karim Rashid, poi alla stazione Dante e infine a Museo dove oltre all'architettura e alle opere d'arte, gli ospiti hanno visitato il corridoio di collegamento Stazione Neapolis con l’esposizione dei reperti archeologici ritrovati nel corso dei lavori di scavo del metrò.

La visita si è conclusa alla centrale operativa di Colli Aminei dove i tecnici Metronapoli hanno illustrato il funzionamento dei quadri sinottici e le tecnologie di nuova generazione per il controllo e la movimentazione dei treni. Moore si è complimentato per l'alta capacità di realizzazione e gestione della rete metropolitana, per la sorprendente spettacolarità delle architetture e delle opere d'arte e per i programmi divulgativi orientati ai giovani. "E' proprio attraverso la cultura, ha annunciato il Console, che intendiamo consolidare il rapporto di amicizia e di collaborazione con Metronapoli con cui speriamo a breve di realizzare interessanti iniziative".

Per l'Assessore alla Mobilità Anna Donati, “la visita del Console Moore rappresenta un ulteriore riconoscimento per la città di Napoli che lavora per arrivare all’appuntamento con i prossimi eventi internazionali, Forum delle Culture e America’s Cup, con nuove stazioni e una rete metropolitana più estesa”. “La cooperazione con il Consolato Americano, ha aggiunto Alberto Ramaglia Amministratore Unico Metronapoli, testimonia della ricca rete di rapporti che negli anni l’azienda ha saputo costruire anche al di fuori dei confini locali facendone un modello di riferimento per i suoi interlocutori”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©