Politica / Parlamento

Commenta Stampa

IL GIORNO DI BERLUSCONI E VELTRONI


IL GIORNO DI BERLUSCONI E VELTRONI
29/01/2008, 09:01

Oggi al Quirinale sono attesi Berlusconi e Veltroni. Appuntamento tra un'ora per il leader di Forza Italia, a seguire il segretario del Partito Democratico. L'ipotesi più accreditata è quella delle elezioni, tra aprile e giugno. Infatti è dal giorno dopo l'esito delle ultime elezioni politiche che la sinistra propone a Berlusconi strade favorevoli ai partiti più grandi per quanto riguarda la riforma elettorale. Ma il capo della Casa delle libertà non se ne è mai dato per inteso. E proprio l'esito delle ultime consultazioni, vinte dalla sinistra sul filo di lana, ha influito sul dialogo tra maggioranza e opposizione. Berlusconi, che già dalle prime ore ha invocato ai brogli, e che con la sua coalizione ha dato al governo quasi due anni di spallate, si è sempre rifiutato di dialogare, per non legittimare il governo. A sua volta la sinistra ha creato una frattura profonda rappresentata dalla cosiddetta occupazione di tutte le cariche istituzionali, da quella di presidente della Repubblica ai due presidenti di Camera e Senato. E infatti a loro proprio va lo sguardo, pensando a un governo di pacificazione per una mini riforma elettorale. ma anche a una figura di alto calibro come il presidente del Senato Franco Marini, manca il riconoscimento di un'opposizione che si è sentita soverchiata.
Ecco perché è venuto fuori anche il nome di Gianni Letta, appendice diplomatica del Cavaliere, che ha già ricevuto, in tempi non sospetti (dieci mesi fa, ma sempre col governo in bilico) una bozza di riforma elettorale proprio dalle mani di Goffredo Bettini, portavoce del Partito Democratico.
Se non fu allora..

Commenta Stampa
di Oliviero Genovese
Riproduzione riservata ©

Correlati

28/01/2008, 09:01

LE CONSULTAZIONI AL QUIRINALE