Politica / Napoli

Commenta Stampa

Il convegno il 25 e 26 ottobre a Castel dell'Ovo

Il Golfo di Napoli come sistema coordinato


.

Il Golfo di Napoli come sistema coordinato
22/10/2012, 16:51

NAPOLI - Traffici, turismo, sviluppo. Sono queste le tre parole chiave che ruotano attorno al Golfo di Napoli, che per la sua posizione geografica e per le sue potenzialità rappresenta, oggi, una opportunità per l'economia delle comunità costiere e per quelle dell'entroterra. Ne è convinto il presidente della commissione mobilità del consiglio comunale, Giovanni Formisano.

“L’importanza strategica del Golfo di Napoli, cuore propulsivo della possibile ripresa economica dei nostri territori – sottolinea Formisano - deve essere centrale rispetto ai traffici del Mediterraneo attraverso un sistema coordinato”.

E proprio per individuare diverse ipotesi di sviluppo è stato organizzato un convegno, a Castel dell'Ovo per il 25 e 26 ottobre. A confronto ci saranno imprenditori, sindaci, strutture statali, il mondo accademico e professionale.

L’incontro è stato presentato questa mattina al Gambrinus. In tale occasione è stato Nicola Coccia, presidente Terminal della Stazione Marittima, ad esplicitare l’importanza di una cabina di regia propedeutica al Sistema Coordinato. Significativo anche l’intervento di Umberto Masucci, presidente Propeller, secondo il quale occorre chiedere con fermezza, alla politica, tempi certi di programmazione e il miglioramento del sistema merci in/out put per migliorare il già sostanzioso traguardo economico del settore.

Alcune ipotesi, in realtà, sono già nero su bianco. Ora l'obiettivo è concretizzarle, magari prendendo spunto da quanto già accade in alcune realtà.

“Il porto di Napoli consente, fra i pochi, gli scali marittimi internazionali e già e’ parte dell'elenco degli 83 punti base dei traffici mediterranei - ha dichiarato il Andrea Mastellone, presidente Associazione Agenti Marittimi – è necessaria una legge speciale per rendere più concreti ed efficienti gli investimenti che si vogliono mettere in campo”.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©