Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Napolitano intanto chiede verifica della maggioranza

Il governo battuto cinque volte alla Camera

Umberto Bossi fa tremare il cavaliere

Il governo battuto cinque volte alla Camera
18/05/2011, 21:05

ROMA - Se c'era bisogno di una conferma dei problemi che ha la maggioranza, è bastata la mattinata di oggi per averla. Oggi alla Camera del Deputati, prima di esaminare il decreto Omnibus, ci sono state votazioni su alcune mozioni riguardanti le carceri, su cui il governo è andato ripetutamente sotto. Prima su una mozione di Fli, poi del Pd, poi dell'Idv; infine aveva espresso parere contrario su una premessa che Fli voleva aggiungere al documento del Pdl, ma anche in questo caso l'opposizione ha avuto la meglio.
Da notare che nella maggioranza mancavano gran parte degli appartenenti al gruppo dei "Responsabili" (ben 12 su 29) come gran parte del governo, dato che erano presenti solo una decina di sottosegretari. Mancavano anche 16 deputati del Pdl, tra cui Claudio Scajola, che era a colloquio con il Presidente del Consiglio SIlvio Berlusconi, e uno dei tre coordinatori, Denis Verdini. E intanto da Milano arrivano strali avversi al cavaliere. "A Milano? Abbiamo perso". Umberto Bossi ha ammesso la sconfitta al primo turno delle comunali nel capoluogo lombardo. Per il leader della Lega è stata sbagliata la campagna elettorale. Ma non è tempo per recriminare. Il Senatùr ha rilanciato le ambizioni della coalizione di centrodestra per i ballottaggi, dicendosi convinto che la situazione è recuperabile. E in caso di sconfitta? "Non perdiamo, aspetteremo per vedere cosa succede", ha replicato. L'eventuale vittoria di Giuliano Pisapia contro Letizia Moratti non avrà comunque conseguenze sulla tenuta dell'esecutivo: "Non fatevi illusioni. Di certo non ci faremo trascinare a fondo", ha concluso stizzito, con riferimento indiretto al Pdl. Anche il ministro Roberto Maroni ha assicurato la fedeltà della Lega al governo: "Anche io ho letto queste cose sui giornali, ma ho parlato con Bossi e personalmente non mi risulta che le abbia dette".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©