Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il governo fa marcia indietro sulle ronde


Il governo fa marcia indietro sulle ronde
08/04/2009, 10:04

Dopo aver insistito molto sulla necessità di tutelare i cittadini, con le ronde, il Governo Berlusconi ha deciso di fare marcia indietro. L'ha annunciato questa mattina, dopo la Conferenza dei capigruppo alla Camera dei Deputati. Si tratta di stabilire ora come si agirà: o con un emendamento soppressivo del governo stesso; oppure un emendamento dell'opposizione a cui il governo darebbe il proprio parere favorevole. In cambio l'opposizione cesserà il proprio atteggiamento ostruzionistico.
Dopo di che quella parte delle ronde dovrebbe essere recuperata in un apposito disegno di legge a cui il governo vuole garantire un passaggio in Parlamento molto veloce.
Contemporaneamente, il governo ha posto la fiducia sul decreto legge sugli incentivi, che ora è al Senato. Infatti i circa 300 emendamenti presentati alle norme previste dal governo, sono stati giudicati eccessivi. E quindi si è chiusa ogni possibilità di attività legislativa da parte del Parlamento.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©