Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Si chiamerà Imu, ma è una patrimoniale sulla casa

Il governo prepara la reintroduzione dell'Ici


Il governo prepara la reintroduzione dell'Ici
23/06/2010, 09:06

ROMA - "Nei prossimi giorni, avendo lavorato in silenzio presenteremo in parlamento, oltre ai costi standard per la spesa sanitaria nelle Regioni, e oltre agli studi di settore da applicare su tutti i livelli di governo, la bozza del decreto-base del federalismo fiscale", ha assicurato il Ministro delle Finanze Giulio Tremonti, parlando alla festa del 236esimo anniversario della Guardia di Finanza. E poi ha aggiunto: "E' qui che c'è il ritorno ai Comuni del potere fiscale nel loro comparto naturale di competenza: immobiliare e territoriale". E quindi il passaggio mentale successivo è ovvio che porti ad una riesumazione dell'Ici, che è l'unico tipo di tributo "immobiliare e territoriale" che i sindaci possono introdurre e gestire. Il MInistro per la Semplificazione legislativa, Roberto Calderoli l'ha negato: "Non ci sarà un ritorno all'Ici, nè l'introduzione di una nuova tassa".
In realtà quello che si sta studiando è esattamente questo: una imposta immobiliare (si dovrebbe chiamare Imu, Imposta municipale unica) che però accorpi anche qualche altra tassa locale. Ma d'altronde le alternative non sono molte: tolta l'Ici per le case più ricche dal governo Berlusconi (per le case di dimensioni medio-piccole ci aveva già pensato il governo Prodi, trovando misure fiscali compensative) senza aver avuto la possibilità di incassare quei soldi in altra maniera, i Comuni stanno annaspando tra mille difficoltà di bilancio. Anche i più virtuosi fanno fatica a restare a galla, senza aumentare al massimo possibile quel poco di tassazione che gli rimane da imporre e senza tagliare i servizi alla cittadinanza. In più, i tagli previsti dalla manovra finanziaria (per i Comuni dovrebbero essere 1,3 miliardi in due anni), fatti senza badare alle peculiarità di ciascun comune, rischiano di danneggiare ancora di più la sostenibilità economica di questi enti pubblici.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©