Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Negata a lungo da Tremonti, si rende necessaria

Il governo prepara una manovra-bis da 7 miliardi


Il governo prepara una manovra-bis da 7 miliardi
26/10/2010, 15:10

ROMA - Alla fine, sembra che un'altra menzogna stia per cadere. Era da fine luglio che si parlava della necessità di una nuova manovra finanziaria, a causa del peggioramento dei conti pubblici italiani; circostanza sempre negata dal Ministro delle Finanze Giulio Tremonti, che vantava la solidità dei conti pubblici italiani e la bontà del taglio di 25 miliardi di euro previsti per il 2011 e il 2012. Invece, secondo Radiocor, che cita fonti governative, è in vista una nuova manovra, probabilmente collegata al decreto "milleproroghe", che è un decreto con cui annualmente si prolungano i tempi di scadenza di altri provvedimenti precedenti. Si pensa di introdurre un allungamento della scadenza di termini di qualche condono o qualche inasprimento fiscale, con l'obiettivo di raggranellare 3-4 miliardi. Altri tre miliardi, invece, dovrebbero giungere dalla vendita delle frequenze digitali, che dovrebbe essere fatta con un'asta.
Basterà? Difficile. Anche perchè bisogna rifinanziare la cassa integrazione, trovare soldi per la ricerca e per l'università, finanziare i contingenti italiani all'estero, in particolare quello in Afghanistan, che potrebbe aumentare di altre 1500 unità, e così via. Tanti impegni, ma la borsa è vuota, a causa di tutti gli sprechi fatti dal governo.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©