Politica / Politica

Commenta Stampa

De Falco e Nugnes non votano con la maggioranza

Il governo va sotto sul condono per Ischia. La rabbia di Di Maio


Il governo va sotto sul condono per Ischia. La rabbia di Di Maio
14/11/2018, 10:10

ROMA - Primo intoppo del governo sul decreto Genova. In Commissione Lavori Pubblici, al Senato, la maggioranza è andata sotto su un emendamento presentato da un esponente di Forza Italia e identico da uno del Pd che escludeva dal condono per Ischia coloro che avevano presentato isrtanza all'epoca del condono Craxi. Come è noto, il decreto comprende anche una norma che completa le pratiche mai evase per i condoni edilizi degli scorsi decenni, condonando oltre 24 mila abitazioni nell'isola campana. L'emendamento approvato limita il condono a coloro che l'hanno chiesto con le leggi di Berlusconi. 

A cambiare gli equilibri della maggioranza sono stati i voti di Gregorio De Falco, che ha votato con la maggioranza, e di Barbara Nugnes, che si è astenuta. Questo ha permesso di raggiungere i 23 voti favorevoli all'emendamento contro i 22 del governo. La votazione ha scatenato la rabbia di Luigi Di Maio, che ha annunciato l'espulsione di De Falco dal partito, mentre la Nugnes dovrebbe essere solo sospesa; e ha aggiunto: "Il fatto che due senatori del M5S, uno si sia astenuto e uno abbia votato con Fi, è gravissimo: questo non è un caso isolato, sono diverse settimane che ci arrivano segnali di dissenso da parte di senatori che hanno firmato impegni con il M5S e che devono portare avanti il contratto di governo. De Falco e Nugnes sono già sotto procedura dei probiviri". Ha poi insinuato che le motivazioni siano economiche: "Questo è periodo di restituzioni e di taglio degli stipendi. Mi auguro che tutti vogliano restituire i loro stipendi agli alluvionati". In realtà, è dall'inizio del 2018 che nessuno del M5S rendiconta le proprie spese o versa soldi in nessun fondo, a parte i 300 euro che ogni parlamentare versa mensilmente alla Casaleggio & Associati. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©