Politica / Politica

Commenta Stampa

Precariatio a vita per i lavoratori e promesse sul welfare

Il governo verso l'inganno del "contratto di lavoro unico"


Il governo verso l'inganno del 'contratto di lavoro unico'
02/01/2012, 09:01

ROMA - Continuano le discussioni su cosa farà il governo Monti per mantenere le promesse di crescita per l'economia italiana. In particolare, la discussione verte sul cosiddetto "contratto di lavoro unico", concetto introdotto dal giuslavorista Pietro Ichino. Si tratta di un contratto, che dovrebbe sostituire le tante tipologie (una cinquantina) di contratti di lavoro precario, flessibile, ecc. Avrebbe la caratteristica di essere un contratto a tempo indeterminato, ma di negare al neoassunto per i primi tre anni gran parte delle tutele oggi previste per coloro che hanno questo tipo di contratto, a cominciare dal divieto di licenziare senza giusta causa. Insomma, un passaggio verso il precariato a vita: basta essere licenziati e riassunti ogni due anni, per non avere mai alcun diritto e quindi in una situazione di precariato perenne.
Ma su questa strada converge il Terzo Polo, il Pdl ed anche gran parte del Pd. Si oppongono invece i sindacati, che lanciano l'allarme sulla tensione sociale che scaturirebbe dal precarizzare intere masse di giovani, piùdi quanto non sia adesso.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©