Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il presidente a Vienna: in questi giorni esasperazione alta

Il monito di Napolitano: "Allentare tensione per bene Paese"


Il monito di Napolitano: 'Allentare tensione per bene Paese'
12/12/2010, 18:12

VIENNA - L’analisi di quello che sta accadendo nel Paese è lucida, ma allo stesso tempo allarmante. "Le tensioni non sono una novità di questi ultimi giorni, in questi giorni ci tocca qualche punta di particolare esasperazione...". Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano incontra brevemente i giornalisti al termine della sua visita informale a Vienna e non si sottrae a qualche considerazione sulla difficile settimana che lo attende in Italia dove il governo chiederà la fiducia al Parlamento. A chi gli chiede cosa pensi delle polemiche accese degli ultimi tempi e della questione della 'compravendita' dei parlamentari Napolitano risponde con una valutazione di ordine generale: le tensioni ci sono sempre state, negli ultimi giorni si sono viste "punte di particolare esasperazione" "ma la grande questione è che l'Italia da troppo tempo vive in uno stato di tensione dei rapporti politici e istituzionali" e invece "l'interesse generale dovrebbe essere tutelato". Napolitano inoltre, nella sua visita ai capi di Stato che fanno parte del gruppo degli otto “uniti per l'Europa”, rilancia un altro tema che è sempre stato a cuore al capo dello Stato: “Ci auguriamo che questo incontro possa contribuire a dare impulso anche di fronte a quelle riluttanze che ci sono” ha detto al termine di una colazione di lavoro con il presidente austriaco Heinz Fischer. Ieri i due capi di Stato hanno incontrato la presidente finlandese Tarja Halonen per una 'ristrettà tra, come ha sottolineato lo stesso Napolitano, «i capi di Stato più anzianì del gruppo. “Siamo egualmente impegnati su una linea di coerente sviluppo dell'unità e dell'integrazione europea”, ha detto oggi Napolitano ricordando come questo richieda anche “un impegno dei capi di Stato e in particolare degli 'ottò che si riuniranno ad aprile prossimo a Budapest”.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©