Politica / Regione

Commenta Stampa

Amendola:“Evitiamo tensioni e scontri”

Il PD campano scende in piazza contro la discarica di Terzigno


Il PD campano scende in piazza contro la discarica di Terzigno
06/06/2010, 15:06

TERZIGNO (NA) - Cresce la tensione tra i cittadini a causa della apertura di una seconda discarica a Terzigno (NA). Alla protesta degli abitanti del comune vesuviano si accodano diversi esponenti del Partito Democratico: “Ribadiamo la nostra contrarieta' all'apertura della seconda discarica a Terzigno" a dichiararlo e' Enzo Amendola, segretario regionale del Pd Campania, dopo gli scontri tra cittadini e forze dell'ordine avvenute nella notte di ieri. "Evitiamo le tensioni e disordini facendo tornare sui binari della discussione la risoluzione del problema – sottolinea Amendola –. Guido Bertolaso e Stefano Caldoro, presidente della Regione Campania, ci dicano da subito come uscire dall’emergenza”.

“Solo pochi mesi fa Silvio Berlusconi esultava per la fine della crisi rifiuti in Campania, ma ora il bluff e’ venuto allo scoperto. E’ necessario lavorare da subito per una soluzione alternativa considerate le contrarieta’ quasi unanimi delle forze politiche, delle amministrazioni locali e della Provincia di Napoli”.“Con la violenza non si risolve il problema rifiuti in Campania. La soluzione va trovata attraverso l’arma del dialogo e della ragionevolezza” cosi’ Antonio Marciano, coordinatore della segreteria regionale Pd Campania e consigliere regionale.“Abbiamo gia’ espresso in maniera decisa la nostra contrarieta’ la costruzione della seconda discarica nel Parco del Vesuvio. Ci batteremo affinche’ l’area che gia’ e’stata violentata con un sito di stoccaggio. Ora dobbiamo trovare soluzioni alternative” spiega Marciano. “Il riacutizzarsi dell’emergenza rifiuti in Campania e’ la dimostrazione che neanche Berlusconi, a differenza di quanto aveva fatto credere lo scorso anno, ha la bacchetta magica. L’unico modo per uscirne e’ un confronto tra istituzioni, partiti e cittadini” .

“Questa terra ha gia’ dato. Non comprendiamo l’accanimento delle istituzioni sul Parco del Vesuvio” a dichiararlo e’ Mario Casillo, consigliere regionale del Pd Campania.
“E’ preoccupante rivedere scene di violenza popolare a distanza di pochi mesi. Ma il Governo Berlusconi non aveva risolto l’emergenza rifiuti?” si chiede Casillo.
“Adesso tocca alla Regione Campania e alla Provincia di Napoli, ambedue guidate da esponenti del Pdl, indicare un sito alternativo. Ho chiesto piu’ volte dei chiarimenti al presidente di Palazzo Matteotti, Luigi Cesaro, riguardo alla posizione della Provincia. Per il momento i cittadini hanno ricevuto solo risposte vaghe” .

LA SOLIDARIETÀ DI SODANO - “Esprimo piena solidarietà ai manifestanti coinvolti negli scontri di ieri notte nei pressi della discarica di Terzigno, i quali stanno solo tentando di difendere il proprio territorio da quello che si prefigura un disastro ambientale in piena regola. Chiedo l’immediato intervento del Prefetto ed auspico che la situazione venga chiarita al più presto: le istituzioni hanno il dovere di fornire una posizione netta e definitiva su uno sversatoio che potrebbe radicalmente cambiare il volto del Parco del Vesuvio, una delle poche aree protette della Campania”, è la dichiarazione del consigliere provinciale della sinistra Tommaso Sodano.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©