Politica / Politica

Commenta Stampa

La legge prevede di dare soggettività giuridica al feto

Il Pd contro la legge della Lega per criminalizzare l'aborto


Il Pd contro la legge della Lega per criminalizzare l'aborto
26/03/2019, 10:48

ROMA - Mancano tre giorni al "Congresso mondiale della famiglia" che si terrà a Verona: un incontro per criminalizzare aborto, omosessualità, unioni civili e più o meno ogni diritto civile conquistato negli ultimi secoli. E scoppia un altro ergomento di discussione tra Lega e Pd, questa volta a proposito dell'aborto. Infatti, il partito di Zingaretti protesta per la nuova legge, che porta la firma di una cinquantina di parlamentari della Lega che modifica la legge 194. In particolare, la legge prevede l'adozione del feto e il riconoscimento di soggettività giuridica del feto. Si tratta di una configurazione giuridica che contrasta con le sentenze della Corte Costituzionale, che giudicano il feto come una vita "in divenire", e quindi privo di soggettività giuridica fino al concepimento. Ma ancora di più rischia di essere un modo per criminalizzare le donne: chi volesse abortire, rischierebbe di trovarsi addosso una accusa di omicidio. 

Il problema è che nelle premesse si scrive che "manca all'appello una popolazione di 6 milioni di bambini che avrebbero impedito il sorgere dell'attuale crisi demografica". Si tratta ovviamente di una menzogna, tipica della propaganda dei gruppi estremisti religiosi cristiani o di quei partiti che sostengono i suddetti. In realtà non manca all'appello nessuno, dato che le donne non sono oggetti che partoriscono a comando. E poichè non ci sono sei milioni di famiglie che avrebbero adottato quei bambini, quale sarebbe stata la loro vita? Gettati in um orfanatrofio? Cresciuti da una madre che li odiava perchè magari quei bambini erano il frutto di uno stupro? Oppure da una madre impreparata e incapace perchè ancora minorenne? Inoltre quale legge può costringere una donna a crescere un bambino non voluto? 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©