Politica / Politica

Commenta Stampa

I colloqui ieri tra Bersani e Napolitano in questa direzione

Il Pd manifesta a Roma sabato con un occhio al governo tecnico


Il Pd manifesta a Roma sabato con un occhio al governo tecnico
02/11/2011, 11:11

ROMA - Fervono all'interno del Pd gli ultimi preparativi per la manifestazione del 5 novembre a piazza San Giovanni. Una manifestazione prevista oltre un mese fa ma che, alla luce degli ultimi avvenimenti, assume un significato particolare. E così prepara la pacifica "invasione" della capitale: 14 treni prenotati e 700 pullman dovrebbero garantire una buona affluenza. E sottolinea il segretari Pierluigi Bersani, in un comunicato: "Vogliamo riunire tutti coloro che hanno a cuore il futuro del nostro paese per avviare insieme una ricostruzione democratica, sociale ed economica dell'Italia. Abbiamo le risorse per riprendere il cammino che ci spetta, per riconquistare la dignità che meritiamo, per riprenderci il nostro futuro di donne e uomini, di persone libere, serie, capaci. Chiediamo a tutti di venire in piazza con noi, alle diverse associazioni impegnate nella società, ai movimenti civili, a coloro che hanno a cuore il futuro degli italiani. Sarà anche l'occasione per ridare a piazza San Giovanni il posto che merita nella storia dell'Italia repubblicana, come luogo simbolo delle grandi manifestazioni democratiche".
Ma resta il problema di come affrontare la pessima situazione economica, che il rimbalzo tecnico delle borse, dopo il tonfo di ieri, non risolve sicuramente. Per questo ieri il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha sentito sia Bersani che il leader dell'Udc Pierferdinando Casini: vuole esere sicuro che, in caso di caduta del governo Berlusconi, sia possibile organizzare un governo tecnico. Un governo che sarebbe a guida tecnica (Mario Monti è il nome più gettonato, ma si parla anche di Giuliano Amato) e sostenuto dall'opposizione e dai "frondisti" del Pdl e da chiunque altro ci vorrà partecipare (e qui il pensiero corre ai 350 parlamentari, tra Camera e Senato, che matureranno i requisiti per il vitalizio solo a settembre 2012). E in questo senso ci sarebbero state assicurazioni sia dal Pd che dal Terzo Polo di un assenso.
Peccato che questo sarebbe il miglior spot elettorale per Berlusconi che potrà scaricare su questo governo "di ribaltone" ogni colpa possibile ed immaginabile, a cominciare dalla famosa frase del "tradimento della volontà degli italiani". Copione già visto che gli consentì la vittoria del 2001. Ed oggi gli si sta organizzando lo stesso regalo.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©