Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Come sempre, è un prendere o lasciare, senza discussioni

Il Pdl blocca la discussione della Finanziaria


Il Pdl blocca la discussione della Finanziaria
07/12/2009, 09:12

ROMA - Alla Commissione Bilancio della Camera sarebbe in discussione la legge Finanziaria, secondo il calendario. Ma quello che sta avvenendo è tutto tranne che una discussione. Infatti, dopo che sabato sera il governo ha presentato due maxiemendamenti sostitutivi di gran parte dell'intera legge, che sono stati prontamente approvati, la maggioranza ha bloccato completamente la discussione. Ci sono 200 emendamenti dell'opposizione (circa la metà di quelli presentati inizialmente), ma nessuna volontà della maggioranza di discuterli. Anzi, il relatore della legge, Massimo Corsaro, del Pdl, ha detto molto chiaramente che la maggioranza non intende dialogare e che voterà no a qualsiasi emendamento. Anche il capogruppo del Pdl in Commissione, Gioacchino Alfano, ha detto che la maggioranza non intende offrire alcun segnale all'pposizione. E questo nonostante nel testo ci siano, per stessa ammissione della Lega Nord, degli errori formali. E i tempi ormai sono chiusi: mercoledì mattina il provvedimento deve andare in aula e quindi è rimasta solo la giornata di oggi per le modifiche in Commissione, data la festività dell'Immacolata di domani.
Ma non c'è nulla di strano: mai, con i governi Berlusconi, si sono discusse in Parlamento leggi finanziarie o decreti correttivi della finanza pubblica. Il governo è sempre andato avanti a colpi di fiducia. Sin dal 1994, quando il governo Berlusconi cadde; e poi tra il 2001 e il 2005 (l'ultima legge economica fu la Finanziaria del dicembre 2005, ndr); e anche adesso, mai nessuna discussione è stata ammessa, se non quelle pro forma. La sostanza di tutte le leggi è stata sempre coperta da un maxiemendamento governativo su cui poi è stata messa la fiducia. E questo nonostante le amplissime maggioranze di cui ha goduto il governo Berlusconi sia dal 2001 al 2006 sia nell'attuale composizione parlamentare. Servono ulteriori dimostrazioni per indicare che Tremonti è un Ministro delle Finanze che non sa scrivere neanche una legge finanziaria?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©