Politica / Politica

Commenta Stampa

Ristyling in corso nel Pdl regionale

Il Pdl campano chiude il 2011 con il suo volto migliore


Il Pdl campano chiude il 2011 con il suo volto migliore
30/12/2011, 14:12

NOLA (NA) - Attorniato da una folla esultante l'onorevole Paolo Russo, l'esponente meno chiacchierato del Popolo delle Libertà campano ha voluto salutare i suoi conterranei, e tanti amici provenienti un po’ da tutta la regione. E quale cornice più prestigiosa dell'Hotel Ferrari a San Vitaliano, paese a pochi passi da Nola, per unire le menti ed i cuori e provare tutti insieme a tirare un bilancio di questo 2011 sotto molti aspetti da dimenticare. Sono proprio queste le considerazioni che il parlamentare ha fatto nell'ambito del suo intervento volto a chiarire ed appianare molti punti che continuano a far discutere. Ai microfoni della Julie Paolo Russo ha tracciato il bilancio di un 2011 che sotto molti aspetti ha rappresentato una fase di profondi cambiamenti nel partito e nelle stesse coscienze dei suoi simpatizzanti. Lucida e dettagliata l'analisi sui temi caldi del momento già a partire dalla vicenda Cosentino e dalle ripercussione che questa ha avuto sul dibattito politico locale e nazionale. Il parlamentare poi si è soffermato ad analizzare la querelle interna, su Lupi e sul possibile commissariamento del partito in Campania. Abbiamo poi chiesto a Russo quali gli scenari sul dopo Cosentino e quali le sue preferenze politiche e personali. Analisi più tecnica è stata quella che Paolo Russo ha reso sullo scontro tra l’assessore comunale all’ambiente Sodano ed il suo omonimo regionale Romano sulla necessità dell’invio delle navi in Olanda per risolvere l’emergenza rifiuti. Un momento importante d’incontro e di scambio di idee non solo sul futuro di una compagine politica che ancora adesso rappresenta la maggioranza dei campani, ma un incontro finalizzato al rilancio di un’azione politica che deve partire dalla base ed insieme ad essa costruire nuovamente l’alternativa credibile.
(GUARDA LO SPECIALE)

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©