Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Granta,Briguglio e Bocchino, memoria difensiva ai probiviri

Il Pdl ha deciso: defezione per i tre finiani "eversivi"


Il Pdl ha deciso: defezione per i tre finiani 'eversivi'
16/09/2010, 20:09

MILANO - "In relazione ai ricorsi nei confronti dei tre deputati del Pdl deferiti ai Probiviri dal Comitato di coordinamento, si è deciso, riservato ogni altro provvedimento, nel rispetto e in ossequio al regolamento e alle norme di garanzia, di procedere alle notifiche dei deferimenti, richiedendo, così come previsto, una memoria difensiva agli stessi. Il Collegio si è aggiornato al 21 ottobre prossimo venturo". E' quanto si legge nella nota diffusa dal Pdl riguardo la delicata questione legata ai tre finiani "eversivi" Italo Bocchino, Carmelo Briguglio e Fabio Granata.
La decisione sull'eventuale espulsione definitiva del trio ribelle dal partito berlusconiano, dunque, è rimandata ad ottobre prossimo. Nel frattempo, però, i tre dovranno presentare una memoria difensiva ai probiviri nella speranza che il documento venga giudicato positivamente.

LE REAZIONI
Decisamente provocatoria la replica di Carmelo Briguglio che, sulla comunicazione del Pdl, ha difatti osservato:"Vorrei informare il vertice del Pdl che sono uno dei 45 parlamentari che si sono dimessi dal loro gruppo parlamentare e hanno aderito a un gruppo parlamentare diverso che si chiama Futuro e libertà per l’Italia. Il mio sentimento di questo momento è di leggera atarassia..."
Briguglio, non pago, sostiene che "il deferimento un po' mi fa sorridere, un po' mi lascia indifferente".
Meno "atarassica" ma comunque trasportata dalle ali dell'indifferenza la dichiarazione di Granata:"Faccio parte del gruppo parlamentare di Fli e dedico la mia energia e le mie idee a un grande progetto politico guidato da Gianfranco Fini, dove legalità ed etica pubblica rappresentano valori fondamentali e imprescindibili".
Un progetto politico che, però, se sul serio esiste, è probabilmente mantenuto rigorosamente segreto dall'ex leader di An.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©