Politica / Politica

Commenta Stampa

E sulle scuole annuncia: “Lavori per 3,5 mld”

Il premier ai suoi parlamentari: “Avanti a testa bassa. Il Pd sia il primo partito”


Il premier ai suoi parlamentari: “Avanti a testa bassa. Il Pd sia il primo partito”
27/03/2014, 18:59

"Andiamo a testa bassa perché dobbiamo vincere le europee e in alcuni comuni è difficile. Dobbiamo essere il primo partito in Italia, il secondo nel Pse". Sono queste le parole del presidente del Consiglio Matteo Renzi, nel corso dell’assemblea dei parlamentari del Pd, illustrando il percorso delle riforme.

“Le riforme del Senato, del Titolo V e quella elettorale sono la risposta all'anti-politica. Non ci serviva certo il voto francese per capire la necessità di riforme”, ha detto ancora il premier.

"Il voto francese ci invita però a riflettere sul modello di Europa che vogliamo costruire. Se riusciamo a chiudere questo pacchetto di riforme - ha concluso - siamo più credibili anche per chiedere un'altra Europa". Tra due settimane, ha poi sottolineato il premier, chiudiamo le candidature e il 12 aprile si parte con la campagna elettorale per le europee.

Il premier ha poi centrato l’argomento delle scuole. A giugno, infatti, sono previsti lavori per 3,5 miliardi. Investimenti, questi, conteggiati fuori dal patto di stabilità.

"Noi - ha dichiarato il premier attaccando il  leader del Movimento 5 Stelle - stiamo cambiando il Paese davvero, mentre Grillo grida e altri parlano di candidature. Noi abbiamo capito il messaggio della gente, cioè che erano stanchi di quella politica. Noi rispondiamo con la buona politica, non con l'antipolitica".

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©