Politica / Parlamento

Commenta Stampa

IL PREMIER FA I DISPETTI: "SE SKY MI ATTACCA, NIENTE ACCORDI"


IL PREMIER FA I DISPETTI: 'SE SKY MI ATTACCA, NIENTE ACCORDI'
02/12/2008, 11:12

Si è indispettito Silvio Berlusconi, nel vedere lo spot che dalle 12 di ieri Sky ha mandato in onda sui suoi canali, per dire che il governo aveva mancato alla sua promessa da campagna elettorale di non aumentare le tasse e per invitare a mandare una e-mail di protesta all'indirizzo del Presidente del Consiglio. Soprattutto si deve essere indispettito sia nell'essere definito - di fatto - un bugiardo per avere mentito ai propri elettori, sia perchè l'invito è stato talmente seguito che prima delle 16 la casella di posta elettronica era satura. E coloro che stavano al lavoro è difficile che abbiano potuto vedere lo spot e mandare e-mail. In effetti, si è rivelato un sondaggio contro di lui ed è noto che Berlusconi parla dei sondaggi in maniera entusiasta solo quando può manipolarli.

L'irritazione poi è stata sostenuta da quella del Ministro delle Finanze Giulio Tremonti, che non ha voluto sentire ragioni, dopo avere visto lo spot. E così il premier ha cancellato qualsiasi ipotesi di trattativa sul punto, facendo sapere alla dirigenza di Sky che se non chiudono con quello spot, ci sarebbero state conseguenze. E, a parziale giustificazione, in serata il PdL ha fatto sapere che non sarebbe stata possibile alcuna modifica, perchè - dovendo i soldi provenire dal settore TV, secondo le loro decisioni - l'alternativa sarebbe stato l'aumento del canone RAI.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©