Politica / Regione

Commenta Stampa

Sforamento patto di stabilità causa la paralisi dell'Ente

Il presidente del Consiglio Regionale, Paolo Romano: gravissima l'eredità lasciata dalla sinistra


Il presidente del Consiglio Regionale, Paolo Romano: gravissima l'eredità lasciata dalla sinistra
27/05/2010, 18:05

NAPOLI. “Condivido la necessità e il rigore della manovra messa in campo dal Governo Berlusconi ma non posso non manifestare la mia forte preoccupazione per le conseguenze che alcune norme rese necessarie dalla violazione del Patto di Stabilità ereditata dal precedente governo regionale, si andranno ad abbattere sul funzionamento dell’intera struttura consiliare”. Così il Presidente del Consiglio Regionale della Campania Paolo Romano commentando i contenuti della manovra licenziata dal Consiglio dei Ministri. “Già da domani, infatti,  - spiega il presidente Romano - oltre 200 dipendenti, tra collaboratori e impiegati in regime di comando presso il Consiglio, devono rientrare alle strutture di appartenenza lasciando dunque scoperti diversi uffici ed in particolare quelli di diretta collaborazione degli organismi istituzionali e politici. Uffici che rischiano dunque la paralisi. E’ interesse dell’intera collettività che si riesca a trovare in tempi rapidissimi una soluzione ad un problema che riguarda l’agibilità della più alta istituzione della Campania, oltre che di tantissimi lavoratori che in queste ore vivono con grande incertezza la loro precarietà”.

Commenta Stampa
di Francesco Fabozzi
Riproduzione riservata ©