Politica / Parlamento

Commenta Stampa

ILLUSTRATI I PROVVEDIMENTI ANTI-CRISI DEL GOVERNO


ILLUSTRATI I PROVVEDIMENTI ANTI-CRISI DEL GOVERNO
25/11/2008, 08:11

Sono stati illustrati dal Presidente del Consiglio SIlvio Berlusconi e dal Ministro delle Finanze Giulio Tremonti i provvedimenti anti-crisi che il governo intende adottare, per decreto, probabilmente già nel Consiglio dei Ministri di venerdì prossimo. Nessuna novità, rispetto a quanto si sapeva. Innanzitutto la social card, che permetterà a coloro che hanno un reddito inferiore ai 6000 euro lordi all'anno (praticamente i pensionati con la pensione sociale o meno) di disporre di uno sconto sugli acquisti pari a 40 euro al mese. Poichè dovrebbe essere retroattiva da ottobre, ci saranno a dicembre 120 euro, a cui poi verranno aggiunti 80 euro al bimestre. Oltre a questo si sta cercando di ottenere dalle associazioni di categoria ulteriori sconti per i negozi aderenti, ma si tratta di discussioni abbastanza vaghe. Poi forse verrà attuato il blocco delle tariffe, per quanto riguarda luce, elettricità, autostrade e treni. Poi verranno attuati non meglio specificati interventi sui mutui e un osservatorio sul credito, da installare presso le prefetture, per evitare che le banche continuino a pretendere dalle società indebitate dei rientri forzati dei crediti. Ancora, non meglio specificati bonus per famiglie con figli e per pensionati, tagli all'IRES e la possibilità di pagare l'IVA al momento dell'incasso e non della fatturazione, quando si fanno fatture da pagare a distanza. Infine sblocco dei pagamenti della pubblica amministrazione e procedure extra-legem per la costruzione di infrastrutture, in modo da ridurre la possibilità di fare controlli, che spesso rallenta lo sviluppo delle stesse.

La CGIL ha definito i provvedimenti incerti e fumosi, e ha confermato il proprio sciopero previsto per il 12 dicembre. Il PD e l'UDC hanno apprezzato il fatto che il governo si sia seduto al tavolo delle trattative con le parti sociali, ma prima di esprimere giudizi definitivi intendono aspettare di vedere provvedimenti concreti e non semplici promesse.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©