Politica / Politica

Commenta Stampa

Napolitano torna ad affrontare il tema degli extracomunitari

Immigrati, il Colle: "Cittadinanza per i loro figli nati qui"

“La situazione politica? Non più tempesta, ma mare mosso”

Immigrati, il Colle: 'Cittadinanza per i loro figli nati qui'
22/11/2011, 14:11

ROMA – Il presidente della Repubblica torna a dire la sua sul delicato tema degli immigrati in Italia. E lo fa in particolar modo in riferimento al tema sollevato da Pierluigi Bersani, riguardante la cittadinanza ai figli degli immigrati nati in Italia. Nel giorno del voto di fiducia al governo Monti, il segretario del Partito Democratico sollevò la questione durante la dichiarazione di voto: immediata fu la polemica da parte della Lega, che su questo argomento non si è mai mostrata generosa, e del Pdl.
“È un’assurdità e una follia che dei bambini nati in Italia non diventino italiani. Non viene riconosciuto loro un diritto fondamentale”: oggi è Giorgio Napolitano a ritornare sull’argomento e a mettere a tacere chi su tale questione è sempre pronto a manifestare le sue assurde teorie. Il Quirinale con queste parole si riferisce alla possibilità che il Parlamento torni ad esaminare la questione della cittadinanza italiana per i figli nati in Italia degli immigrati. Il presidente Napolitano ha auspicato inoltre che tale iniziativa possa rientrare nella consapevolezza della necessità di “acquisire anche nuove energie in una società per molti versi invecchiata, se non sclerotizzata”. Non è mancato, ovviamente, il ricordo al significato della nomina di Andrea Riccardi, fondatore della comunità di Sant’Egidio, a ministro della Cooperazione internazionale e dell’integrazione sociale.

L’INTERVENTO IN AULA DI BERSANI
“Cari leghisti, abbiamo centinaia di migliaia di figli di immigrati che pagano le tasse, vanno a scuola e parlano italiano e che non sono né immigrati né italiani, non sanno chi sono. È una vergogna", aveva detto il segretario del Pd, Pierluigi Bersani, alla Camera durante la dichiarazione del voto di fiducia a Monti, scatenando polemiche di Pdl e Lega. Lo stesso Carroccio in materia si è detto nuovamente pronto a fare una dura resistenza.

E SULL’ATTUALE CLIMA POLITICO
L’inquilino del Colle ha detto la sua anche sull’attuale situazione politica: “Non penso che il mare tempestoso in cui fino a ieri ci siamo mossi sia tutto a un tratto diventato una tavola - ha detto - avremo ancora un mare incrinato, mosso”. Napolitano crede tuttavia “che ci siano le condizioni per una maggiore obiettività del confronto tra gli schieramenti politici”. Per il Capo dello Stato il Parlamento oggi è dinanzi alla consapevolezza del fatto che si apre un campo di iniziativa maggiore rispetto al passato e che ci si trovi davanti “a una netta distinzione tra governo e Parlamento e le Camere hanno campi a loro riservati”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©