Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il presidente intervenuto nella videochat della Camera

Immigrazione, Fini: nel respingimento il problema sono i richiedenti asilo


Immigrazione, Fini: nel respingimento il problema sono i richiedenti asilo
08/05/2009, 19:05

Il respingimento dei clandestini è lecito e non è in contrasto con i diritti fondamentali dell’uomo e nemmeno con le linee guida delle organizzazioni internazionali , ma il problema sta nella impossibilità di controllare se, tra i migranti, ci sono persone che hanno il diritto di asilo politico. E’ il parere del presidente della Camera, Gianfranco Fini, interpellato dai cittadini nella video chat del sito della Camera.

“Il punto di difficoltà, - spiega Fini, - è che il respingimento non sempre rende possibile la verifica necessaria per l'esistenza tra coloro che volevano approdare in un altro Stato e che vengono respinti, l'esistenza di uomini e donne che abbiano diritto di avanzare richiesta di asilo politico”.

“Capisco le Nazioni Unite che fanno il riferimento doveroso all’obbligo del rispetto del diritto di asilio, - continua Fini, - però ho notato che molti Stati ricorrono a politiche di respingimento di coloro che clandestinamente si avvicinano alle frontiere. La questione dunque non è se è lecito o meno respingerli, la questione è nel momento in cui vengono respinti prima che arrivino nel paese in cui volevano approdare, è possibile verificare se tra i respinti ci sono coloro che hanno diritto di chiedere asilo?”.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©