Politica / Parlamento

Commenta Stampa

IMMIGRAZIONE: IL CONSIGLIO D’EUROPA BOCCIA L’ITALIA


IMMIGRAZIONE: IL CONSIGLIO D’EUROPA BOCCIA L’ITALIA
29/07/2008, 11:07

Il commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa Thomas Hammarberg ha espresso una dura critica nei confronti della politica italiana in materia di immigrazione e della situazione dei nomadi: “Le misure attuate in Italia non tengono conto dei diritti umani e dei principi umanitari e potrebbero fomentare altri episodi xenofobi”. Hammarberg si è detto preoccupato anche per quanto concerne le misure adottate nei confronti dei Rom previsti dal pacchetto sicurezza: la politica italiana sull’immigrazione sembra testimoniare, secondo il commissario, “un’incapacità di affrontare un fenomeno non nuovo” che dovrebbe quindi essere gestito attraverso leggi ordinarie e altre misure. Pertanto, “la decisione di rendere la presenza illegale in Italia una aggravante nel caso in cui la persona commetta un reato, potrebbe sollevare serie questioni di proporzionalità e di discriminazione”. “Seri dubbi di compatibilità con la Convenzione dei diritti umani” susciterebbero anche le espulsioni di cittadini Ue effettuate sulla base di motivazioni di pubblica sicurezza. Il Consiglio d’Europa ha inoltre condannato tutti gli atti di violenza avvenuti in Italia ai danni di campi nomadi “senza che vi fosse  una effettiva protezione da parte delle forze dell’ordine che a loro volta - accusa Hammarberg - hanno condotto raid violenti contro gli insediamenti”. “L’approvazione, diretta o indiretta, di questi atti da parte di certe forze politiche, singoli politici e da parte di alcuni organi di informazione è particolarmente preoccupante” – ha detto infine il commissario.

 

Commenta Stampa
di Francesca Pellino
Riproduzione riservata ©