Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Per evitare l'azzeramento dei processi di mafia

In CdM approvato il decreto anti-scarcerazioni


In CdM approvato il decreto anti-scarcerazioni
10/02/2010, 17:02

ROMA - Dal Consiglio dei Ministri di oggi è uscito un decreto che impedirà l'azzeramento di oltre 300 processi a carico della mafia. Infatti, uno degli effetti della legge sulla sicurezza - quella approvata a luglio 2009, con molte norme razziali anti-stranieri - è stato che ha introdotto delle modifche per quanto riguarda i processi di mafia pluriaggravati. Questi processi rischiano di arrivare ad una pena massima di 30 anni o più. Ed in questo caso abbiamo che la competenza non è più del Tribunale collegiale, ma della Corte d'Assise. E quindi oltre 300 processi di mafia già iniziati, in primo e in secondo grado, rischiavano di essere azzerati. Con il decreto approvato oggi, invece, viene stabilito che la competenza del Tribunale collegiale resta comunque per i processi che vedono tra i reati il 416 bis, cioè il reato di associazione a delinquere, anche quando sono aggravati. Con questa misura si dovrebbero impedire nefaste conseguenze per i procedimenti in corso.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©