Politica / Politica

Commenta Stampa

“La nostra magistratura è irresponsabile”

In Italia ci sono stati quattro golpe, Berlusconi all’attacco

L’ex Premier “tuona” alla kermesse di Forza Italia

In Italia ci sono stati quattro golpe, Berlusconi all’attacco
08/12/2013, 17:17

ROMA  - "La magistratura da ordine dello stato in un contropotere che tiene sotto di se il potere esecutivo e decisionale. Da noi non dipendono da nessuno, sono incontrollabili e irresponsabili nemmeno di ciò che commettono per colpe gravi e dolo e si giudicano tra di loro". Queste le parole di  Silvio Berlusconi alla kermesse di Forza Italia. “Ancora oggi siamo in pericolo, siamo in un regime, non si sono visti nelle strade militari e carri armati ma egualmente ci soni stati quattro colpi di stato" ha continuato. "Nel 92-93 la democrazia fu sospesa. Nel 1964 una corrente di sinistra diede vita a Magistratura Democratica che poi si divise nel '68 e una parte si unì alle forze extraparlamentari tanto che l'Unità nel '78 li accusò di essere andati oltre. Questa magistratura fu istruita da Gramsci" ha aggiunto. "La magistratura parte da un assioma: il Popolo ha diritto alla democrazia ma la democrazia il popolo è sicuro di averla solo se c'è la sinistra al potere: quando il popolo non riesce a darsi un governo è compito della magistratura intraprendere la via giudiziaria al socialismo contro il capitalismo borghese e questo si deve fare interpretando la legge non in modo imparziale ma in modo alternativo. L'interpretazione imparziale arriva a dei punti impensabili" ha sottolineato il Cavaliere. "Grazie di essere venuti. Sono i giovani che devono prendere la bandiera e andare avanti, siamo ancora qui come allora per batterci per il nostro paese per batterci per la nostra libertà". "Siamo tornati a Fi perchè speravamo con il Pdl di unire i moderati poi qualcuno ha tradito, qualcuno se n'è andato, quando ho visto che Pdl si reggeva con quelli che erano di Fi ho preso la decisione che era il momento di tornare Forza Italia",  ha rilevato Berlusconi.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©