Politica / Regione

Commenta Stampa

Incontro in Prefettura per la gestione delle consultazioni referendarie del 5 e 6 giugno


Incontro in Prefettura per la gestione delle consultazioni referendarie del 5 e 6 giugno
22/04/2011, 10:04

Questa mattina presso la Prefettura di Napoli, il Presidente della Giunta regionale della Campania, Stefano Caldoro ed i Prefetti di Caserta Ezio Monaco e Salerno Sabatino Marchione unitamente al prefetto di Napoli De Martino, Rappresentante dello Stato per i rapporti con il sistema delle autonomie,hanno sottoscritto un’intesa volta a disciplinare le modalità di collaborazione per la gestione delle consultazioni referendarie regionali indette dalla regione Campania per i prossimi 5 e 6 giugno.
La Regione, nell’esercitare il potere conferitole dall’133, comma 2, della Costituzione in materia di costituzione di nuovi comuni, modificazione delle circoscrizioni o delle loro denominazioni, ha chiamato le popolazioni interessate a pronunciarsi in merito alla costituzione del comune unico “Isola d’Ischia”, all’acquisizione del Rione Bagno del Comune di Aversa al Comune di Cesa ed alla variazione di denominazione del comune di Centola in Centola Palinuro.
L’intesa rappresenta la continuazione di un proficuo rapporto di collaborazione già sperimentato in occasione delle scorse consultazioni regionali e consente di assicurare alla Regione il supporto tecnico giuridico degli uffici elettorali delle prefetture per garantire al meglio il corretto svolgimento del procedimento elettorale referendario disciplinato in particolare dalla legge regionale 30 aprile 1975, n. 25.
Alla Regione è affidata l’interpretazione e l’attuazione della normativa, cui consegue la gestione amministrativa del procedimento elettorale e l'emanazione delle direttive, quale espressione dell'autonomia regionale costituzionalmente garantita, nonché la raccolta dei risultati referendari.
Le Prefetture assicureranno, nello spirito di leale collaborazione, la loro consolidata esperienza in materia elettorale e la massima disponibilità e cooperazione.
I risultati elettorali provvisori saranno disponibili sul sito della regione Campania e sui siti delle prefetture interessate.
Gli uffici centrali provinciali per il referendum costituiti presso i Tribunali di Napoli, Santa Maria Capua Vetere e Salerno provvederanno alla proclamazione dei risultati dei referendum.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©