Politica / Politica

Commenta Stampa

Fonderà un movimento per salvare la Costituzione

Ingroia lascia la magistratura e torna in politica


.

Ingroia lascia la magistratura e torna in politica
15/06/2013, 08:41

NAPOLI - Antonio Ingroia dice addio alla toga; ovviamente non è la prima volta che lo fa, ma adesso appare veramente convinto soprattutto a seguito del suo delle decisioni del CSM di inviarlo “al confino” per così dire, o almeno questo è quello che pensa lui della sede di Aosta. E d’altra parte come dargli torto a lui che è siciliano? “Punito per le mie inchieste su cosa nostra” si sfoga l’ex magistrato rincara la dose sul suo futuro in politica. Peccato che gli Italiani lo hanno già bollato a febbraio bocciando la sua Rivoluzione Civile, figlia legittima del movimento arancione di Luigi de Magistris, un altro ex magistrato che, come Ingoria, non ha ancora deciso cosa fare da grande. Nonostante la sonora batosta che il suo movimento ha avuto alle scorse elezioni, Ingroia torna a pensare alla politica come prossimo impiego, nella speranza che una costituzione da difendere sia scusa migliore per poter tornare a calpestare la scena partitica nazionale. Con il dente avvelenato per essere stato estromesso dall’antimafia, Ingroia si fa paladino della carta costituzionale che a suo dire qualcuno vuol ribaltarne i capisaldi. La democrazia ha bisogno di essere difesa, e per questo il pupillo di de Magistris fonderà un partito per farlo.

 

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©