Politica / Regione

Commenta Stampa

Causa dell'inchiesta la movida rumorosa della città

Inquinamento acustico, la Moratti indagata per omissioni d'atti d'ufficio


Inquinamento acustico, la Moratti indagata per omissioni d'atti d'ufficio
05/01/2010, 18:01

MILANO - Dopo le indagini collegate all'inquinamento ambientale che la coinvolsero insieme a Roberto Formigoni (il quale appresa la notizia reagì piuttosto male),  il sindaco di Milano Letizia Moratti finisce nel registro degli idagati per omissione d'atti d'ufficio riguardo un'altro tipo d'inquinamento; quello acustico.
Proprio come per la precendete iscrizione tra i possibili colpevoli, l'autorità giudiziaria responsabile della diffusione della notizia ha anche subito precisato che, l'iscrizione della Moratti, è un atto "dovuto e a sua legittima tutela".
Il provvedimento pare sia scaturito a seguito alla segnalazione effettuata da un comitato cittadino, da mesi esasperato dall'eccessiva rumorosità della movida nottura di una parte della città. La zona precisa è quella dell' Arco Sempione; in pieno centro e, le accuse mosse al primo cittadino Milanese e coordinate dal Pm Alfredo Robledo, riguardano la mancata adozione di provvedimenti idonei per combattere il frastuono notturno nonostante le continue segnalazioni degli abitanti del luogo.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©