Politica / Napoli

Commenta Stampa

Insediamenti cinesi in Europa: l'esempio di San Giuseppe Vesuviano, tra integrazione e concorrenza leale


Insediamenti cinesi in Europa: l'esempio di San Giuseppe Vesuviano, tra integrazione e concorrenza leale
07/02/2014, 09:55

L'esempio di San Giuseppe Vesuviano nel processo di integrazione della Comunità cinese nel vecchio continente è stato nei giorni scorsi protagonista al Parlamento europeo a Strasburgo. Su iniziativa di Enzo Rivellini, Presidente della Delegazione Ue/Cina, una delegazione di amministratori locali è stata invitata presso la massima istituzione comunitaria. A guidarla il Sindaco di San Giuseppe Vesuviano, Vincenzo Catapano, il Presidente del Consiglio Comunale ed i consiglieri Nunzio Zurino, Francesco Santorelli e Saverio Cirino. 
Lo stesso Rivellini ha spiegato: “A seguito dei tragici avvenimenti verificatisi lo scorso dicembre in una fabbrica tessile cinese di Prato mi è sembrato inevitabile discutere in seno alla Delegazione Interparlamentare Europa–Cina, da me presieduta al Parlamento europeo, dei problemi ed anche delle possibilità conseguenti al fenomeno degli insediamenti cinesi in Europa". 
Il Sindaco Catapano da parte sua ha aggiunto: "Sul nostro territorio, dove è forte la presenza della comunità cinese, dopo una serie di contestazioni per la chiusura di oltre 70 opifici fuori norma e ben 22 inceneritori abusivi si è consolidata l'integrazione delle due comunità".
San Giuseppe Vesuviano dunque costituisce un potenziale modello da esportare in Europa. La delegazione vesuviana si è impegnata ad approvare un documento in Consiglio comunale che sarà presentato al Parlamento europeo e farà da esempio e informazione per i responsabili europei nel settore della tutela delle condizioni di lavoro e dell’immigrazione.
 

Commenta Stampa
di Paolo Trapani
Riproduzione riservata ©