Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Intercettazioni a Bari: prostitute a Villa Certosa?


Intercettazioni a Bari: prostitute a Villa Certosa?
17/06/2009, 09:06

Sarà una coincidenza, ovviamente, ma all'accellerazione che il governo ha dato all'approvazione con fiducia al disegno di legge che cancella quasi completamente la possibilità di ricorrere alle intercettazioni durante le indagini, corrisponde una novità che potrebbe (ma è tutto da vedere) riguardare il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Ed è una novità che proviene da intercettazioni. Per essere esatti, da una indagine sulla Tecnohospital, di Giampaolo e Claudio Tarantini, due imprenditori molto noti in città. La società si occupa di tecnologie ospedaliere, ma l'ipotesi di indagine è che sia riuscita ad ottenere numerose commesse pubbliche pagando tangenti alle persone responsabili nei posti chiave. In particolare Giampaolo ha una villetta a Porto Rotondo, poco lontano da Villa Certosa; e spesso sono state intercettate sue telefonate nelle quali l'imprenditore si vanta di avere partecipato alle feste nella villa del premier. E fin qui non ci sarebbe nulla di straordinario. Ma in queste telefonate si parla delle ragazze che andavano là e del fatto che ad alcune di loro sono stati versati dei soldi. Naturalmente bisognerà verificare se si tratta di una cosa vera o di una millanteria; ma se fosse vero, si tratterebbe di prostituzione, e si indagherebbe per induzione alla prostituzione.
Qualcuno ha collegato questa vicenda alle dichiarazioni fatte da D'Alema nei giorni scorsi, quando ha parlato di "scosse" al governo; ma è un accostamento abbastanza azzardato, vista la fumosità dell'indagine finora.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©