Politica / Parlamento

Commenta Stampa

11 nuovi emendamenti, possibile pubblicare atti giudiziari

Intercettazioni, frenata di Pdl e Lega


Intercettazioni, frenata di Pdl e Lega
28/05/2010, 20:05

MILANO – Sarà un fine settimana infuocato quello che accompagnerà l’arrivo in Senato della nuova normativa sulle intercettazioni. A capo settimana, nella camera del Parlamento italiano ci sarà la discussione generale del decreto legge. Ad accendere i toni nel venerdì in cui la maggioranza ha presentato undici nuovi emendamenti al ddl, ci ha pensato il ministro dell'Interno Maroni, a margine della riunione del G6 a Varese: “La nuova normativa sulle intercettazioni non pregiudica per nulla le attività investigative nei confronti della criminalità organizzata. Non c'è nessun ostacolo, dal mio punto di vista io sono tranquillo». La maggior parte degli emendamenti aggiuntivi porta la firma proprio del partito di Maroni, la Lega Nord, che si è detta pronta a “condividere anche tutti gli emendamenti presentati a prima firma Gasparri, che rappresentano una soluzione equilibrata tra il diritto di cronaca e quello alla riservatezza dei cittadini”. Alcuni emendamenti riguardano il lavoro dei giornalisti: viene autorizzata la pubblicazione “per riassunto” degli atti delle indagini. È invece vietata la pubblicazione anche parziale delle intercettazioni, anche se non più coperte dal segreto fino alla conclusione delle indagini preliminari. Vietata la pubblicazione anche in questo caso parziale, per riassunto o nel contenuto, delle ordinanze emesse in materia di misure cautelari. Stesso divieto vale anche per le richieste di tali misure. Si potrà pubblicare il contenuto solo dopo che l'indagato o il suo difensore siano venuti a conoscenza dell'ordinanza del giudice. È sempre vietata la pubblicazione delle intercettazioni di cui sia stata ordinata la distruzione o che riguardino fatti, circostanze e persone estranee alle indagini. Un altro emendamento prevede che non ci sia alcun limite alle intercettazioni se le indagini servono alla cattura di un latitante.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©