Politica / Regione

Commenta Stampa

18 firme false su 19,lista regionale farlocca 27 mila voti

Irregolare lista piemontese, elezione di Cota in dubbio


Irregolare lista piemontese, elezione di Cota in dubbio
22/06/2010, 20:06

TORINO - I periti grafologi nominati dal Tribunale di Torino non hanno avuto dubbi: 18 delle 19 firme relative ai candidati della lista "Pensionati per Cota", che si è presentata alle elezioni regionali del marzo scorso a sostegno del Presidente uscente, sono false. A firmare sono stati i due indagati: il rieletto Michele Giovine (sua l'unica firma vera) e il padre Carlo. La circostanza poi è stata verificata dall'esame delle 18 persone che hanno disconosciuto firme e intenzione di candidarsi politicamente. Questo ha probabilmente chiuso l'indagine e pare che la Procura di Torino intenda procedersi con il rito immediato, per velocizzare le cose eliminando un po' di intralci burocratici.
Questo potrebbe provocare un rinvio del Tar, che il primo luglio deve decidere su una serie di ricorsi relative alle ultime elezioni. Ma in questo caso potrebbe decidere di fare un rinvio per acquisire gli atti.
C'è da notare una cosa: questa lista ha preso 27 mila voti alle ultime elezioni; ed appare difficile che si possa evitare di considerare nulli questi voti. Ma Roberto Cota, attuale Presidente del Piemonte, vinse lo scorso 30 marzo con un margine di 10 mila voti. Se ne togliamo 27 mila, significa che l'elezione di Cota è illeggittima e si dovrà procedere a nuove elezioni in Piemonte.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©