Politica / Parlamento

Commenta Stampa

ISCHIA, I COMUNI UNITI SUL POR RIFIUTI


ISCHIA, I COMUNI UNITI SUL POR RIFIUTI
15/10/2008, 12:10

 

Rifiutiamo il rifiuto ad unire e semplificare”. E’ questo lo slogan che caratterizza l’appello che le associazioni dell’isola d’Ischia Ascom Confcommercio, Federalberghi, Associazione Artigiani, Consorzio Ischia Isola, ACUII (Associazione Comune Unico Isola d’Ischia) e Comitato per la Salute e l’Ambiente hanno indirizzato ai sei sindaci isolani. Obiettivo del “manifesto” la sensibilizzazione delle amministrazioni in vista dell’appuntamento del 31 ottobre, data che rappresenta il termine ultimo per la presentazione di progetti da parte di aggregazioni di comuni per la creazione di impianti (destinati al trattamento dei rifiuti solidi urbani) interamente finanziati dalla Regione Campania. Fin qui nulla si è mosso, ed è chiaro che perdere il treno di un finanziamento Por potrebbe avere ripercussioni pesanti. Nel corso della riunione che ha portato alla stesura della nota, è stata anche evidenziata l’incredibile opportunità di abbattimento dei costi e miglioramento ed ottimizzazione del servizio che scaturirebbero dalla presenza di un’unica azienda addetta alla raccolta ed allo smaltimento dei rifiuti sul territorio. Nel testo, le associazioni chiedono ai primi cittadini di avviare da subito un unico progetto ed un unico piano intercomunale di differenziazione e di trattamento dei rifiuti, di uniformare le attività delle sei aziende partecipati di raccolta RSU ed avviare infine una campagna di informazione e formazione presso le scuole di ogni ordine e grado. La firma del documento rappresenta un fatto storico per l’isola d’Ischia: è infatti la prima volta che il mondo associazionistico locale in maniera unitaria esce allo scoperto sposando la causa del Comune Unico. La prossima settimana, infine, il Consorzio Ischia Isola potrebbe sancire di fatto – a seguito di direttivo – il proprio ingresso nell’Acuii.
 

Commenta Stampa
di Gaetano Ferrandino
Riproduzione riservata ©
SONDAGGIO.

In che reparto serve un colpo di mercato?