Politica / Napoli

Commenta Stampa

ISF sfrattati dal Comune di Napoli, la dichiarazione di Antonio D'Alessandro


ISF sfrattati dal Comune di Napoli, la dichiarazione di Antonio D'Alessandro
19/01/2012, 10:01

“L’Amministrazione Comunale sgombra un presidio democratico dalla città di Napoli. Tale è l'atteggiamento dell’Assessore al Patrimonio Tuccillo che, per “presunte” esigenze dell'ente, sfratta Ingegneria Senza Frontiere da Piazza Cavour, 42.

La Giunta comunale di Napoli da un lato statuisce i beni comuni e dall'altro sfratta proprio chi, in quel preciso luogo, ha fatto nascere il coordinamento napoletano per l'acqua bene comune. Eppure ISF-Napoli ha un titolo legittimante, un verbale di consegna del 2005 a cui l'Amministrazione Comunale non ha mai fatto seguire la formalizzazione del contratto di locazione ed appare paradossale, dunque, sfrattare chi ha un titolo ed una storia sociale e culturale riconosciuta e legittimata da una “pratica sul campo

Il Partito della Rifondazione Comunista difenderà le ragioni di Ingegneria Senza Frontiere di Napoli, un soggetto che non ha mai chiesto “prebende istituzionali” e che collabora, storicamente, con palazzo San Giacomo sul terreno della difesa del welfare locale e delle categorie in difficoltà. Allo stesso tempo chiede con forza al Sindaco di Napoli di rimediare a quello che agli occhi nostri appare come uno svarione del suo Assessore con delega al Patrimonio.”




Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©